Chatta su WhastApp 333 21 377 58

Scuola Statale: la digitalizzazione che non c’è. solo 7% delle aule ha un Pc, Tablet inesistenti.

Una relazione della magistratura contabile boccia la "dematerializzazione" dell'Istruzione avviata nel 2012 dal ministro Profumo. Funzionano solo le iscrizioni online e il registro elettronico, con il solito divario tra nord e sud. Ora il governo promette gli "animatori digitali" nelle classi, ma cosa faranno se solo 12mila aule su 180mila hanno a disposizione un computer?

Altro che piano digitale, banda larga in ogni classe e "laboratori mobili". Nonostante le promesse del Ministero, la scuola italiana è ferma all’età della pietra: computer e tablet sono delle autentiche rarità in aula, il fascicolo elettronico degli alunni ancora un’utopia. Solo l’iscrizione online e il registro elettronico (neanche ovunque) funzionano davvero. Il piano di “dematerializzazione” avviato nel 2012 è in grave ritardo ed è stato attuato solo parzialmente.

La dura reprimenda nei confronti del Miur e della scuola italiana è della Corte dei Conti, che con una lunga e dettagliata relazione boccia l’operato di viale Trastevere in tema di informatizzazione delle procedure amministrative. In tutti i settori dell’Istruzione: non solo la scuola, ma anche uffici, università, infrastrutture e dipartimenti. Adottato con decreto nel novembre 2012 (sotto il mandato dell’ex ministro Profumo), per quanto riguarda la scuola il piano doveva concludersi entro la fine del 2013. Sono passati tre anni, ma siamo ancora in alto mare. Né “l’archivio virtuale” (la conservazione di tutti i documenti ufficiali in formato elettronico), o il “fascicolo elettronico degli alunni” (contenitore dei documenti personali ma anche dei prodotti degli studenti), o tantomeno la “scrivania semplificata” (piattaforma di formazione e gestione dei documenti) sono stati realizzati. Il desiderio di milioni di studenti di poter rivedere a distanza di anni un tema o un compito del liceo resta un sogno. Ma i numeri più preoccupanti riguardano la dotazione di computer e tablet: solo 12mila aule su quasi 180mila hanno un pc, cifra che si abbassa ad appena 3.900 per i tablet. Rispettivamente il 7% e il 2%. Con buona pace della scuola digital.

Qualche risultato, invero, è stato portato a casa. L’iscrizione online è ormai una realtà acquisita in tutto il Paese: nel 2014/2015 il 98,9% delle iscrizioni è avvenuto su internet. Così come abbastanza diffuso è il protocollo informatico (presente nel 78,3% delle scuole), al pari dell’utilizzo del registro elettronico di classe, adottato dal 69% dei docenti. Qui, però, ci sono delle forti disuguaglianze geografiche: se Marche ed Emilia-Romagna toccano punte del 78%, Calabria e Sardegna si fermano sotto il 45%. Anche così è stato possibile realizzare dei risparmi importanti: circa 785 milioni di euro rispetto a quanto il Miur spendeva nel 2011. Ma su tutte le voci di spesa di tutti i dipartimenti (non solo la scuola). E – come sottolinea la Corte dei Conti – “in parte per il processo di dematerializzazione e in parte, forse la più consistente, per i tagli di spesa lineari” delle ultime spending review.

Leggi tutto l'articolo qui: http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/11/07/scuola-la-digitalizzazione-che-non-ce-corte-dei-conti-solo-7-delle-aule-ha-un-pc-tablet-inesistenti/2195770/

 

Nuove Scuole 2.0 è una scuola online che rappresenta l’unione di più di 30 Scuole Paritarie sparse per la Penisola, che rivolgono un offerta formativa alle persone che non hanno la possibilità di frequentare “fisicamente” un corso scolastico diurno o serale.

SCUOLA MEDIA

Per alunni con particolari problematiche di frequenza, possiblità di esami in sede per l'idoneità alla classe seconda e terza nonchè ESAMI DI TERZA MEDIA DA PRIVATISTI.
Per maggiorni informazioni CLICCA QUI

CONTATTACI

Nuove Scuole 2.0
0621129147
08118088435
0282396464
 [email protected]
scuolaonline