Green Pass nelle scuole: quale sarà il prossimo passo del Governo?

Estendere il green pass alle scuole, rendendo di fatto obbligatorio il vaccino per i docenti e gli studenti di età superiore agli 12 anni. E' questa l'ipotesi di cui si sta parlando sempre più spesso negli ultimi giorni, dopo che il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha annunciato il nuovo decreto che prevede la necessità di esibire il green pass per accedere all'interno dei ristoranti e dei bar, partecipare ai concerti, andare in palestra e via dicendo. L'ambito scolastico non è stato incluso in questo primo decreto, che entrerà ufficialmente in vigore a partire dal 6 agosto 2021. Nonostante ciò, si sta già ampiamente discutendo in merito alla necessità di aumentare il numero di vaccinati anche tra docenti e studenti. Obiettivo che se non si dovesse raggiungere entro l'inizio dell'anno scolastico 2021/2022 potrebbe dare motivo di istituire il Green Pass anche nelle scuole.

Green Pass nelle scuole: il dibattito ancora aperto

Il dibattito sul green pass nelle scuole è ancora aperto e riguarda non solo i docenti, che sarebbero i primi ad essere interessati dall'obbligo ma anche gli studenti. D'altronde, sono ancora moltissimi i nodi da sciogliere in merito alla questione perché costringere esclusivamente i professori ad effettuare il vaccino sarebbe piuttosto inutile, se poi in classe ci dovessero essere diversi studenti non vaccinati. Allo stesso modo, appare difficile che il Governo arrivi ad istituire un obbligo di green pass nelle scuole anche per i ragazzi perché potrebbe andare eccessivamente controcorrente.

La tematica è alquanto delicata e se ne sta discutendo proprio in questi giorni per evitare di arrivare a settembre senza un piano ben preciso.

Obiettivo: tornare a scuola al 100% in presenza

L'istituzione del green pass delle scuole risponderebbe alla volontà di far tornare 100% in presenza tutti i ragazzi, senza obbligo di distanziamento e nemmeno della mascherina. Se infatti tutti dovessero essere vaccinati, non sarebbero necessarie le misure di protezione che ormai conosciamo molto bene e con le quali studenti e docenti hanno dovuto convivere ogni giorno nell'ultimo anno.

Soprattutto, si potrebbe finalmente dire addio alla DAD: la Didattica a Distanza di per sé è una metodologia validissima se applicata nel modo corretto e con i giusti mezzi a disposizione. Ciò non è stato possibile nelle scuole italiane e non sarebbe possibile nemmeno nel prossimo anno scolastico, così come sarebbe critica la situazione sui mezzi di trasporto.

Green pass nelle scuole: l'alternativa è la scuola online

A quanto pare sono già diverse le famiglie che si stanno preoccupando circa la possibilità che il green pass venga esteso alle scuole. I contrari al vaccino sono infatti numerosi in Italia, dove si sta facendo una certa fatica a raggiungere quell'immunità di gregge tanto attesa.

L'alternativa per quegli studenti che non vogliono vaccinarsi e che non otterranno il green pass però c'è già ed è stata ampiamente collaudata: la scuola online. La Didattica a Distanza d'altronde ha dimostrato grandi limiti nel sistema scolastico pubblico ma non in quegli istituti convenzionati e paritari che lo adottano ormai da moltissimi anni. In questi casi, l'e-learning si continua a dimostrare vincente e permette di risparmiare tempo senza rinunciare ad un apprendimento di alto livello.

P.IVA 08722491217