Professioni più richieste nel 2022: quali saranno e come orientare il proprio percorso di studio

Quali saranno le professioni più richieste nel 2022? Se i mesi che vengono sono quelli in cui dovrai scegliere a che corso di laurea iscriverti, che master o che corso di specializzazione professionale seguire è probabile che tu ti stia facendo domande come questa, desideroso di intraprendere un percorso formativo che abbia anche sbocchi lavorativi concreti, immediati, remunerativi. Il mercato del lavoro è in trasformazione da anni, del resto, e la pandemia ha per molti versi accelerato e dato indirizzi solo in parte prevedibili a questa trasformazione.

Dagli esperti di intelligenza artificiale ai caregiver: le professioni più richieste nel 2022

Tra le professioni più richieste nel 2022 ci saranno per esempio, secondo un’analisi del Word Economic Forum, una serie di professioni che hanno a che fare con l’innovazione tecnologica e ciò non può non essere conseguenza della spinta decisiva che l’emergenza sanitaria ha dato alla digitalizzazione in azienda, anche nelle aziende più piccole e legate al territorio. In altre parole? Sempre più realtà potrebbero cercare in un futuro prossimo data scientist, big data analyst, esperti di intelligenza artificiale e machine learning, ingegneri robotici, growth hacker. La vera difficoltà dal lato aziende potrebbe essere – e in parte già è – trovare candidati con le giuste competenze per le proprie vacancy e, dal lato del (futuro) lavoratore con una certa attitudine per l’innovazione, trovare il percorso formativo più adatto. Oggi mancano ancora, infatti, almeno in Italia corsi di studio che permettono di laurearsi e presentarsi sul mercato del lavoro con conoscenze e competenze immediatamente spendibili nello sviluppo di soluzioni AI per le aziende per esempio: una buona soluzione potrebbe essere laurearsi o laurearsi online in una disciplina quanto più possibile affine e poi cercare stage, tirocini, internship, programmi di formazione aziendale che permettano di sviluppare saperi e competenze tecnici e settoriali.

Per tornare all’analisi del World Economic Forum, comunque, le aziende avranno sempre più bisogno nel futuro prossimo anche di esperti nella gestione del rischio – per cui potrebbe essere ottima una vecchia laurea in ingegneria gestionale, per esempio – e di esperti in transizione ecologica e di sostenibilità: anche trend e tendenze del mercato del lavoro 2022 non possono non riflettere, del resto, quelli che sono “temi caldi” del dibattito pubblico del momento.

Per la stessa ragione tra le professioni più richieste nel 2022 continueranno a esserci tutte quelle che hanno a che vedere con la cura delle persone. Molto più pragmaticamente si avrà bisogno di medici e ricercatori, di personale sanitario come infermieri professionisti e specializzati ma, anche, di figure assistenziali. Se si intendono cura e salute come benessere a trecentosessanta gradi, è il momento questo in cui potrai sfruttare la tua laurea in scienze motorie anche per aiutare i meno sportivi ad approcciarsi all’attività fisica nel modo corretto o più personalizzato possibile o, grazie a un percorso di studi in psicologia, partecipare alla rivoluzione dello psicologo di base già intrapresa da qualche regione italiana. Di una forma diversa di cura delle persone si tratta, ma le aziende avranno sempre più bisogno ancora di addetti alle risorse umane bravi e preparati e che abbiano soprattutto una visione moderna delle HR e orientata a sviluppare il benessere e la soddisfazione del lavoratore in azienda.

P.IVA 08722491217